Notizie

giovedì 06 Febbraio 2020

Grappa, acquaviti d’uva e Brandy da tutta Italia si danno appuntamento al 37° Premio Alambicco d’Oro

La produzione spiritosa italiana torna in passerella con la 37esima edizione del Premio Alambicco d’Oro, concorso nazionale promosso da Anag, fresca di nuovo statuto e nuovo nome: Associazione Nazionale Assaggiatori Grappa ed Acquaviti. Confermata e consolidata, invece, la formula della manifestazione, aperta a grappe, acquaviti d’uva e Brandy in arrivo da tutta Italia. In palio, come ogni anno, ci saranno medaglie Best Gold, Gold e Silver e i due premi speciali che da alcuni anni accompagnano il concorso: quello riservato alla distilleria che otterrà il miglior punteggio complessivo sommando le medaglie ricevute da prodotti propri e da quelli distillati per conto terzi e “Il vestito della grappa”, riservato alla bottiglia giudicata più bella per etichetta e forma da una giuria composta da giornalisti, architetti e operatori esterni al mondo della distillazione. I prodotti spiritosi possono essere inviati fino al 15 marzo, mentre la selezione degli assaggiatori Anag si svolgerà nel mese di aprile.

Tutti i prodotti saranno giudicati, come ogni anno, in maniera anonima da assaggiatori Anag “patentati” al termine dei corsi Anag di secondo livello. Nelle settimane che precedono la selezione del Premio Alambicco d’Oro, gli assaggiatori coinvolti parteciperanno ad ‘allenamenti’ organizzati in tutta Italia da Anag per prepararli a valutare i prodotti in arrivo da regioni e zone diverse da quelle di provenienza e giudicare i distillati con uniformità e correttezza dei giudizi, seguendo la scheda di valutazione adottata da Anag.

Prodotti e categorie spiritose in gara. Saranno ancora nove le categorie del Premio Alambicco d’Oro 2020 rivolto, come ogni anno, a distillerie e aziende vitivinicole che producono “grappe di fattoria” ottenute con le loro vinacce da distillerie esterne. Le grappe saranno divise in giovani; giovani aromatiche (provenienti da vitigni aromatici); giovani ed aromatiche che hanno subìto permanenza in legno e aromatizzate. Quattro, invece, le categorie per le acquaviti d’uva: giovani; giovani aromatiche (provenienti da vitigni aromatici); giovani che hanno subìto permanenza in legno e aromatiche che hanno subìto permanenza in legno.

Anag e l’impegno per cultura del buon bere. “Anag sta cambiando il suo assetto statutario ma attività e obiettivi rimangono saldi e forti per un’associazione come la nostra impegnata, da oltre 40 anni, nella valorizzazione della Grappa e dei distillati attraverso una ‘cultura del buon bere consapevole’. Il Premio Alambicco d’Oro è il nostro evento di punta e cresce ogni anno come partecipanti e, soprattutto, come qualità dei prodotti in gara. Ogni giorno, grazie a tanti soci attivi in tutta Italia, lavoriamo per far crescere e valorizzare il distillato di bandiera, collaborando anche con altre associazioni e affacciandosi sempre di più nel mondo dei cocktail per raggiungere sempre di più i giovani. Questi stanno crescendo anche nei nostri corsi e ne siamo molto contenti. E’ certamente uno stimolo per continuare la strada intrapresa”.

Il nuovo assetto di Anag. Chiamata a rispettare la legge sulla riforma del Terzo Settore e il riordino del non profit, l’associazione degli assaggiatori spiritosi ha colto questa occasione per cambiare il suo statuto e trasformarsi dalla forma attuale di Federazione a quella di Associazione Nazionale. Il cambiamento riguarda, in particolare, la cancellazione delle dodici associazioni regionali finora socie della federazione nazionale con una gestione autonoma e organi sociali propri. Da adesso, tutti gli assaggiatori faranno parte dell’associazione nazionale, che si occuperà di coordinare i rapporti con tutti i territori in cui Anag è presente attraverso dei referenti regionali. Il nuovo statuto di Anag segna, in parte, un ritorno alle origini del 1978, anno della fondazione dell’associazione presso la Camera di Commercio di Asti come Associazione Nazionale prima di diventare una Federazione di Associazioni Regionali nel 1985.

Informazioni. Il concorso conta sul patrocinio di Camera di Commercio di Asti, Assodistil, Associazione Donne della Grappa e Istituto Nazionale Grappa. Per richiedere il bando e ulteriori informazioni sul Premio Alambicco d’Oro, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail [email protected]

Torna alla lista